02 set 2009

Un consiglo spirituale al giorno


Queste distrazioni nella preghiera!
Persone religiose spesso fanno delle -distrazioni nella preghiera- la materia principale delle loro confessioni settimanali. Esimando la loro coscienza senza trovarvi granchè di male, dopo un momento d'imbarazzo dicono con un sospiro di sollievo a se stessi:Vi sono le solite distrazioni da confessare. Ciò costituisce una buona scossa che le fa sentire a loro agio. Ora è mia opinione che costoro commettono un errore assai grossolano, poichè distrazioni nella preghiera, tali da raggiungere la gravità del peccato sono e devono essere rarissime... Cos'è che in realtà tante volte avviene? Esse vanno in Cappella troppo presto alla mattina; sono ancora assonnate, ed ecco ricascano nel sonno... Bisogna credere davvero che il Signore possa sdegnarsene? ---------
Non è tanto la nostra mente quanto piuttosto il nostro cuore che Dio vuole nella preghiera. Quando il cuore non è lontano da Lui, le distrazione ---che spesso sono dovute semplicemente alle nostre condizioni fisiche---non sono da prendersi in considerazione. Il non aver la mente interamente fissa in Dio, anche per esempio recitando il breviario, non è affatto incompatibile con lo spirito di preghiera. Il rassegnarsi a una distrazione per amore di Dio, come riconoscimento della nostra debolezza, è unione con Dio ...Se, però, nell'importanza verso le piccole cose non ci comportiamo come dovremmo verso di Lui, lo risentiamo nella pregheira e le nostre comunicazioni con Lui diventano difficili.
Padre Daniele Considine

1 commento:

  1. Grazie per questo prezioso insegnamento!
    Un caro saluto!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...